Eurirs – Significato e Definizione

Eurirs – Significato e Definizione

28 mag, 2018
admin
No Comments

L’EURIRS o IRS sta per Euro Interest Rate Swap ed è una tasso utilizzato
nel calcolo delle rate dei mutui a tasso fisso.

Calcolo e Finalità dell’EURIRS
L’EURIRS è la media ponderata delle quotazioni con cui le banche realizzano l’ IRS (Interest Rate Swap).
In sostanza si tratta del risultato dell’accordo (swap) raggiunto fra le banche e i soggetti che vogliono accollarsi il rischio di un tasso fisso.
Infatti, se i tassi d’interesse aumentano, la banca rischia di perdere tanto. Per questo serve una terza parte per garantire il mutuo al cliente.

In questo modo l’EURIRS va ad aggiungersi alla variabile spread per il calcolo del tasso fisso del mutuo.

L’EURIRS e il mutuo a tasso fisso
Prima di chiedere un mutuo a tasso fisso si consiglia dunque di verificare l’andamento del tasso che determinerà la rata del mutuo. L’EURIRS viene diffuso dalla Federazione Bancaria Europea e si può facilmente visualizzare sul Sole 24 ore.
L’IRS varia in base alla durata del mutuo. Si intuisce come un periodo più lungo corrisponda ad un maggior rischio e quindi ad un tasso più alto.

Euribor – Significato e Definizione

14 mag, 2018
admin
No Comments

L’acronimo EURIBOR sta per “Euro Interbank Offered Rate” ovvero “Tasso interbancario di offerta in euro”. L’EURIBOR non è altro che un indicatore creato per rappresentare una situazione di mercato, una sorta di termometro della condizione dei mercati dei capitali europei.

Finalità dell’EURIBOR
Esso in pratica definisce il costo del denaro ed è il riferimento per le transazioni finanziarie in Euro tra i grandi istituti di credito europei.
Proprio perché usato dalle grandi banche primarie per scambiarsi i depositi a termine, è considerato un benchmark molto affidabile e viene utilizzato, di conseguenza, per vincolare ad esso l’oscillazione del tasso variabile per i mutui.

Come si calcola l’EURIBOR
Il criterio di calcolo avviene attraverso quattro stadi
Contribuzione
Ogni mattina, entro le ore 10.45, le banche di un campione rappresentativo inseriscono i propri dati in pagine di contribuzione telematiche del sistema informativo di una società, la Reuters Ltd.
Verifiche preliminari
Da quel momento in poi, fino alle 11.00, i dati possono essere corretti ed aggiornati.
Calcolo
Dopo le 11.00 i responsabili del calcolo della Reuters iniziano ad elaborare i dati calcolandone una semplice media, scartando il 15% delle contribuzioni di valore maggiore e il 15% delle contribuzione di valore più basso.
Pubblicazione
Se il calcolo viene ritenuto valido (ovvero se almeno dodici soggetti bancari hanno contribuito), i risultati sono pronti per la pubblicazione, altrimenti la Reuters utilizza contatti diretti per sollecitare la contribuzione.
La rilevazione dell’EURIBOR avviene tutti i giorni lavorativi, in modo da far risultare il suo valore sempre precisamente aggiornato.

L’EURIBOR e il mutuo a tasso variabile
Per calcolare l’indicizzazione di un mutuo a tasso variabile, le banche sommano all’EURIBOR uno Spread aggiuntivo che definisce, in termini di quantità, il costo del rischio del mutuatario.
Per questo è consigliato verificare il tasso prima di accendere un mutuo di questo tipo. I valori sono reperibili sul Sole 24 Ore.

Affidabilità dell’EURIBOR
A garanzia ulteriore dell’affidabilità dell’EURIBOR esiste anche un comitato indipendente di esperti del mercato: lo Steering Committee. Esso ha il compito di monitorare lo sviluppo del mercato e di controllare il rispetto del codice di condotta. Il comitato è promosso anche dalla FBE e dall’Aci, la Financial Market Association.

Come Funziona il Microcredito

28 apr, 2018
admin
No Comments

Il 2018 si sta annunciando, per l’economia italiana, come l’anno della possibile ripresa. In questo scenario, particolare attenzione va al mondo delle piccole e medie imprese e delle micro pmi. In particolare, per sostenerne la crescita e lo sviluppo economico, il Governo punta su tre leve fondamentali: “stimolo agli investimenti produttivi, in particolare quelli votati all’innovazione, modernizzazione della finanza d’azienda e rafforzamento della proiezione internazionale del tessuto produttivo”, si legge nello Small Business Act del Ministero dello Sviluppo Economico. Nel corso dell’anno scorso sono state adottate inoltre varie misure volte a migliorare le condizioni di liquidità e di accesso al credito delle imprese, nonché a ridurre il grado di sottocapitalizzazione e la forte dipendenza del sistema produttivo italiano dal mondo bancario. “

In questo contesto va inserito il fondo di garanzia per le pmi, che cerca di attenuare, almeno parzialmente, gli effetti del credit crunch dando la possibilità di accedere a garanzie statali gratuitamente. Nonostante questo, C’è, ancora un’ampia domanda di credito che rimane insoddisfatta: crediti di piccoli importi concessi a persone che sarebbero normalmente escluse da sistema di credito tradizionale, non avendo garanzie reali da presentare.

Di qui, la nascita del microcredito, uno strumento che tenta di sopperire alle carenze del sistema bancario tradizionale, e del Fondo di garanzia per il microcredito. In pratica, si tratta di piccoli finanziamenti fino a 25 mila euro (che in alcuni casi possono arrivare a 35 mila euro) che sono garantiti dallo Stato per progetti di micro imprenditorialità. Le risorse disponibili sono pari a 30 milioni di euro, a cui si aggiungono i versamenti volontari destinati da enti, associazioni, società o singoli cittadini al sostegno della micro imprenditorialità.

Quanto ai destinatari, possono usufruire del microcredito tutte le imprese individuali con partiva Iva da non più di 5 anni e che non superano i 5 dipendenti, e tutti i professionisti iscritti agli ordini professionali (sono escluse però le persone fisiche prive di partita Iva). Infine, per accedere alla garanzia non bisogna aver riportato, nei 3 anni precedenti alla richiesta, attivi di bilancio superiori ai 300 mila euro l’anno o ricavi lordi superiori ai 200 mila euro e non bisogna aver oltrepassato i 100 mila euro di passivo.

Come Aprire un Agriturismo

25 apr, 2018
admin
No Comments

In un periodo particolarmente attento , dopo l’ondata degli anni novanta , ad un recupero della vita nella natura e nel contatto con l’ambiente ad un basso impatto, si è andata affermando la realtà degli agriturismi , strutture ricettive particolari , caratterizzate dalla presenza del verde , spesso proprio in campagna, tra campi coltivati , orti, e, sempre più spesso, allevamenti di animali e maneggi.
Per una vacanza nel segno della natura e del relax. Ma quali sono i passi da compiere per iniziare un cammino imprenditoriale di questo genere?

L’agriturismo è una forma di ricezione turistica tutta particolare: la peculiarità di un soggiorno in un posto del genere, infatti , è la ricerca del contatto con la natura.

Proprio per definizione legale e giuridica , infatti , l’agriturismo nasce come la possibilità per chi possiede un’azienda agricola di ospitare turisti nella propria tenuta , ovviamente dietro compenso.
Questo significa fondamentalmente due cose: innanzitutto l’offrire a chi viene ospitato la possibilità di girare tra i campi, senza intralciare i lavori di coltivazione e di allevamento, naturalmente.
E poi il rifornire le proprie conserve alimentari con i prodotti della propria terra, offrendo direttamente agli ospiti nei pasti la propria frutta e la propria verdura, uova e latte, derivati compresi , dei propri animali, magari addirittura il proprio grano.
Meglio ancora, e molto più richiesto vista l’attenzione al tema della naturalezza e della provenienza del cibo degli ultimi decenni , se si può disporre di coltivazioni biologiche.

Se inizialmente questo tipo di possibilità nasce indirizzata a tutti coloro che, già coltivatori e / o fattori fossero già in possesso di una struttura adeguata, nel tempo è diventata una forma sempre più frequente di investimento.
Se infatti si può disporre di una bella cifra , dal momento che quella necessaria è una somma molto consistente , si può acquistare direttamente un casolare , oppure una cascina , magari già avviata , per iniziare contestualmente i lavori agricoli e quelli di ricezione turistica.
Naturalmente anche questo tipo di investimento , come tutti gli altri , richiede di inoltrarsi in labirinti burocratici contorti e in cui non è sempre semplice districarsi, per ottenere tutta la documentazione del caso.

Innanzitutto , è bene ricordare che , come per la formula di bed and breakfast, anche per gli agriturismi è necessario risiedere in loco , conditio sine qua non prevista per legge.
Inoltre , proprio per rispettare la formula originaria , mai modificata , con la quale è stato regolamentato questo tipo di attività, non è possibile costruire ex novo un edificio per adibirlo ad agriturismo.
E’ infatti necessario che la struttura sia già esistente, e, in merito , si può recuperare una vecchia struttura, anche se decadente e in pieno sfacelo , ma non si può creare dal nulla un edificio apposito.

Per scegliere il luogo adatto, è importante considerare diversi fattori: oltre all’ovvio valore dell’immobile e del costo dell’eventuale ristrutturazione , quando necessaria , bisogna considerare quanto il terreno sia adatto alla coltivazione , dal momento che anche questa è una ragione che potrebbe pregiudicare l’intera autorizzazione.
Inoltre bisogna tenere in considerazione quanto sia consistente il flusso turistico nella zona , e quanto possa essere di interesse il punto in cui troviamo la struttura idonea. Per qualche consiglio aggiuntivo è anche possibile vedere questa guida su come aprire un agriturismo su Tuaimpresa.net

Meglio sarebbe, infatti , orientarsi su zone che possano attirare turisti indipendentemente , come luoghi vicini ad aree di interesse culturale , oppure vicino al mare o alla montagna.
Questo proprio per poter sfruttare un’onda turistica già esistente e partire con delle basi più solide e con delle fondamenta un po’ più resistenti , dal momento che la scommessa economica sarà davvero importante.
Una volta individuata la struttura , sia che sia già pronta , sia che sia da ristrutturare completamente, si possono cominciare a prendere contatti con i vari uffici di competenza.

E’ infatti necessario informarsi subito presso l’ufficio provinciale di competenza , di solito , a seconda della provincia e della regione interessate , facendo riferimento agli uffici che riguardano le attività delle funzioni agricole, recandosi anche presso l’ispettorato di queste ultime.
Quando avremo le idee chiare e saremo pronti a partire con l’impresa, dovremo ricordare che ci sono una serie di informazioni che dovremo essere in grado di fornire contestualmente alla domanda stessa.
Dovremo infatti specificare l’elenco sicuro delle attività che vorremo svolgere nel nostro agriturismo , ad esempio se vi comprenderemo una piscina , oppure un maneggio , o ancora se ci sarà una parte dell’orto dedicato esclusivamente all’utilizzo degli ospiti che potranno rilassarsi a lavorarci durante la giornata.
Ovviamente tutto quello che verrà indicato nell’elenco dovrà poi necessariamente essere fornito realmente, a prova di eventuali ( e quasi sicure ) verifiche a posteriori , dopo l’apertura e l’inaugurazione della nuova attività turistica.

Dovremo inoltre produrre moltissimi documenti , acquisiti nel corso del labirintico iter burocratico che ci toccherà seguire per forza , se vogliamo arrivare ad ottenere l’autorizzazione.
Oltre al prevedibile quadro dell’area interessata ,con metrature varie, visura dell’immobile e caratteristiche dell’area esterna, si dovranno possedere tutti i libretti sanitari in regola di chi lavorerà nell’azienda.
A questo dovremo aggiungere la necessaria apertura della partita iva , le varie iscrizioni agli uffici delle camere di commercio e quelli istituzionali turistici , come il registro delle imprese turistiche della propria provincia , e le varie autorizzazioni da richiedere.
Bisognerà infatti avere i sopralluoghi di vigili del fuoco, che dovranno verificare la sicurezza della zona e dell’immobile , e quella della asl , dal momento che anche la cucina dovrà rispondere a determinati criteri.
Inoltre , a seconda della zona , potrebbero essere da verificare anche le condizioni dell’acqua che andrà ad alimentare i campi e le coltivazioni , oltre alla sua potabilità per i servizi interni alla casa , o addirittura il terreno stesso che ospiterà tutto questo.
Bisogna infatti essere più che sicuri che quello che si fornisce agli ospiti e che si produce sia assolutamente sicuro , e per questo tipo di certezza è necessaria la certificazione che lo ratifichi.
Inoltre dovremo aver parlato in anticipo con il sindaco del comune di riferimento , che dovrà necessariamente rilasciare un’autorizzazione scritta , anch’essa da produrre al momento della richiesta di autorizzazione ad aprire.
Quando finalmente avremo esaurito i faticosi giri per uffici e amministrazioni locali , saremo finalmente in grado di partire con la nostra attività imprenditoriale e turistica.

Prima di iniziare con le spese vere e proprie, però , vale la pena informarsi per bene sugli eventuali aiuti economici erogati a chi vuole aprire un’attività di questo genere.
Spesso , infatti, proprio per il recupero vero e proprio di zone abbandonate a loro stesse ed incolte , ed in un momento di fortissima crisi per l’agricoltura , che le nuove generazioni rifiutano a priori, tali iniziative ci sono , e sono anche corpose.
Per alcune zone geografiche ed alcune provincie italiane, inoltre , sono previsti consistenti fondi europei , proprio per la riqualificazione delle zone potenzialmente sfruttabili per l’agricoltura e la coltivazione.
Allo stesso tempo , sono le stesse regioni, unitamente al ministero dell’agricoltura, a cercare di incentivare i lavori agricoli e gli investimenti nelle coltivazioni , con cifre anche alte.

Quindi , se è vero che riqualificare un posto del genere è estremamente costoso , è anche vero che si possono ottenere enormi aiuti economici , il più delle volte anche a fondo perduto.
Alla compilazione , però , del business plan , ovvero del piano delle spese che sarà necessario sostenere, sarà importante cercare di quantificare , proprio per farne una seria previsione , quanto costerà mantenere un posto di questo tipo.

E’ proprio quella , nella maggior parte dei casi , la spesa più grossa: mantenere le coltivazioni con le varie irrigazioni ed i prodotti necessari alla tutela delle piante non è una spesa di poco conto.
Al contempo , ancora di più sale vertiginosamente la cifra se pensiamo di comprendere nella nostra struttura anche gli animali , che devono ovviamente , come sempre , anche se il nostro mondo spesso se lo dimentica, trattati con i guanti bianchi.

E’ sempre bene , infatti , ricordarsi che se si decide di introdurre nella propria struttura anche degli allevamenti , bisogna trattare ogni singolo animale con il dovuto e necessario rispetto , e curarlo con tutte le attenzioni.
Lo sfruttamento , infatti , oltre ad essere orribile ed eticamente immorale , è , finalmente , perseguito e punito dalla legge. Quindi , prima di prendere una decisione di tale responsabilità , è bene pensarci sopra più volte.

Quali Sono i Tipi di Ipoteca – Guida

20 apr, 2018
admin
No Comments

L’ipoteca è un diritto di garanzia di un creditore su un bene immobile
o un bene mobile registrato.

Con l’ipoteca il debitore e proprietario del bene non ne perde il possesso.

I mutui ipotecari sono invece quelli assistiti da ipoteca e sono tali nella maggior parte dei casi. Il creditore ha in questo caso il diritto di chiedere l’espropriazione e la vendita forzata del bene.

Esiste un diritto di sequela dell’ipoteca: se il proprietario del bene cambia, l’ipoteca rimane.

Risulta essere la Conservatoria dei Registri Immobiliari del territorio di riferimento che si occupa delle registrazioni delle iscrizioni ipotecarie.

L’ipoteca può riguardare anche autoveicoli, imbarcazioni e aeromobili, purchè registrati.
In ogni caso un’ipoteca non può gravare su più di un bene e non può essere utilizzata per più di un debito.

Limite d’importo di un’ipoteca
Generalmente il limite d’importo di un’ipoteca corrisponde al doppio del mutuo. Se il contratto ha una durata più lunga, la somma iscritta (limite d’importo) può arrivare al triplo del mutuo. Con l’iscrizione di grandi importi lievitano anche i costi notarili, proprio perché gli oneri del notaio non sono proporzionali all’importo del debito, ma alla somma iscritta.

Tipi di ipoteche
Ci sono tre tipi di ipoteche: volontarie, giudiziali e legali.

Ipoteca volontaria
La più comune fra le ipoteche viene iscritta per volontà del proprietario del bene in garanzia di un debito.

Ipoteca giudiziale
Nel caso di un creditore scontento che chiede l’ipoteca ad un giudice, ci troviamo di fronte ad un caso di ipoteca giudiziale. L’ipoteca giudiziale può essere iscritta anche a seguito di un debito di basso importo.

Ipoteca legale
L’ipoteca legale è un caso più raro e può essere richiesta in casi particolari. Essa può essere utilizzata quando il venditore non riceve il totale pagamento del bene venduto o quando coeredi lasciano pagamenti in sospeso. L’iscrizione di tali ipoteche avviene in modo automatico.