Category Archives: Soldi

Come Registrare Contabilmente una Fattura di Vendita

28 ago, 2017
admin
No Comments

Per prima cosa, devi sapere che la fattura di vendita rappresenta un documento che si inserisce all’interno della gestione ordinaria dell’impresa e si compone di una parte contabile e di una extracontabile. Per dettagli sulla compilazione è possibile vedere questa guida sul sito Lafattura.net. In questa guida vediamo invece come registrare contabilmente una fattura.

Tizio (che ha un’impresa di giocattoli) vende a Caio 15 bambole al prezzo totale di € 200,00 più IVA al 22%. Il regolamento può avvenire o a mezzo contanti o a mezzo Banca. Registriamo questo fatto aziendale dal lato dell’imprenditore Tizio. Dunque, ai fini contabili, dovrai aprire 3 mastrini: il mastrino delle merci c/vendita, il mastrino dell’IVA, crediti v/clienti.

Nel primo mastrino, avrai in AVERE il valore delle merci (al netto dell’IVA), quindi € 200,00, perché è ricavo. Il conto è dunque di natura economica. Nel secondo mastrino, avrai in AVERE il valore dell’IVA, €44,00, in quanto rileva il debito che Tizio ha verso l’Erario: è un conto di natura patrimoniale. Nel terzo mastrino avrai in DARE l’importo totale, €244,00, visto che è un credito che Tizio vanta verso Caio: anche questo è un conto patrimoniale.

Quando Caio effettuerà a Tizio il pagamento mediante CASSA (o BANCA), dovrai: aprire il mastrino della cassa (o banca), chiudere il mastrino dei crediti v/clienti. Nel primo mastrino, avrai in DARE l’importo pagato dal cliente, € 244,00, in quanto variazione finanziaria attiva che aumenta la disponibilità di liquidità. Nel secondo mastrino, chiuderai in AVERE l’importo del credito, € 244,00, e il saldo sarà pari a zero perché il cliente avrà saldato il suo debito.

A questo punto dovrai solo redigere in partita doppia la seguente scrittura di ricezione del pagamento, non trascurando l’elemento importante quale la data dell’operazione: CASSA (o BANCA) a CLIENTI/CAIO € 244,00 L’importo di € 244,00 va in DARE perché il credito si è manifestato in cassa o sul conto corrente bancario. Il conto CLIENTI/CAIO va in AVERE perché Caio salda il suo debito mediante pagamento in contanti o per banca.

Come Richiedere il Certificato del Casellario Giudiziale

31 mar, 2017
admin
No Comments

Il certificato del casellario può essere Generale, Penale o Civile. Il certificato Generale riporta le sentenze passate in giudicato in materia penale, civile ed amministrativa da parte del richiedente. E’ richiesto per certificati di adozione, permessi di soggiorno, e assunzioni nelle amministrazioni pubbliche. I certificati penali e civili trattano invece specificatamente le materie indicate.

La richiesta può essere presentata dall’interessato senza alcuna specifica motivazione ad una qualsiasi Procura della Repubblica indipendentemente dal luogo di nascita o residenza.
Alla richiesta deve essere esibito un documento di identità valido o un documento con foto rilasciato da una amministrazione pubblica, tipo la patente il passaporto ecc.
Se la richiesta viene fatta da un delegato, occorre che questo abbia una delega e la fotocopia di un documento di identità del richiedente, e un suo documento di identità.

I costi sono i seguenti:
1.1 marca da bollo per atti giudiziari da 14,62 euro ed una per diritti di cancelleria da 3,54 euro per il certificato generale o civile.
2.1 marca da bollo da 3,54 euro per il certificato penale.
Se vi è una richiesta d’urgenza occorre 1 ulteriore marca per i diritti di cancelleria da 3,54 euro.

Il certificato viene rilasciato solitamente il giorno successivo alla richiesta, a meno che non sia richiesta d’urgenza, in questo caso la consegna viene effettuata la mattina stessa.

Il D.lgs 445 del 28/12/200 all’art. 46 stabilisce che il certificato presentato ad una amministrazione pubblica può essere sostituito da una Dichiarazione Sostitutiva di Certificazione. Per scrivere questo documento è possibile utilizzare questo modello presente sul sito Autocertificazioni.net.
Per i cittadini non appartenenti all’Unione Europea è obbligatoria presentare anche un permesso di soggiorno non scaduto.

Come Presentare Prodotti su eBay

20 mar, 2017
admin
No Comments

Inserisci oggetti su eBay che vengono puntualmente ignorati. Probabilmente è perchè, anche se il tuo oggetto è fantastico, il titolo non è in grado di attirare le offerte o più semplicemente non compare nei risultati delle ricerche dei potenziali acquirenti.

Inserisci parole chiave nel titolo della tua asta, senza timore di ripeterti e pensando a come si comporterebbe un potenziale acquirente in cerca dell’oggetto che stai vendendo. Se ad esempio stai vendendo un orologio, non mettere solo la marca ed il modello. Inserisci anche parole che potrebbero essere correlate, come ad esempio “accessori”, “automatico”, “lusso”, “da polso” e così via inserendo tutte le parole che a tuo avviso un utente potrebbe digitare quando cerca un orologio. Evita i numeri e le sigle, perchè difficilmente vengono cercate dagli utenti! Così come gli errori di battitura o eccessiva punteggiatura.

Una volta inserite le parole chiave, crea un testo accattivante. Inserisci parole “bonus” che a colpo d’occhio fanno risultare più interesante un oggetto rispetto a tanti altri. Ecco alcuni esempi che spingono ad entrare a leggere la descrizione di un oggetto: nuovo, bonus, raro, garanzia, offerta speciale, unico.

Inserisci un’immagine del tuo oggetto. Un’inserzione senza immagine viene visitata in media 7 volte meno di una con una immagine. Poichè solamente la prima immagine è gratuita, se vuoi inserirne un numero maggiore c’è un piccolo trucco: fai un collage delle immagini e uniscile con un editor di immagini salvandole come unico file. In questo modo per ebay avrai inserito una sola foto, mentre in realtà, sarà come averne inserite 2 o più.

Come Rateizzare Somme Contenute nella Comunicazione di Irregolarità

14 mar, 2017
admin
No Comments

Nel caso in cui il contribuente, a seguito della presentazione di una dichiarazione de redditi, riceve una comunicazione di irregolarità e dopo avere effettuato le opportune verifiche si rende conto che l’importo indicato è dovuto può scegliere di rateizzarne l’importo. Vediamo come procedere.

Per agevolare il contribuente che si rende conto di aver commesso un errore in dichiarazione dei redditi e che la comunicazione di irregolarità che gli è stata inviata è corretta, l’Agenzia delle Entrate consente di rateizzare gli importi richiesti bonariamente con la comunicazione, nella quale sono irrogate sanzioni ridotte ad un terzo dell’aliquota ordinaria (10% in luogo di 30%).

Per usufruire del beneficio bisogna calcolare le rate, cosa che si può facilmente fare utilizzando il software di calcolo messo gratuitamente a disposizione dall’Agenzia delle entrate. Genericamente per gli importi inferiori a 5.000 euro è consentito rateizzare le somme fino ad un massimo di 6 rate trimestrali, mentre per importi superiori il numero massimo di rate trimestrali è 20.

Se la somma delle rate successive alla prima raggiunge un importo pari o superiore ad euro 50.000 sarà necessario fornire delle garanzie quali ad esempio una polizza fideiussoria o una fideiussione bancaria. In alternativa è possibile chiedere all’ufficio di essere autorizzati a concedere una ipoteca volontaria su beni immobili da parte del contribuente o di terzi. Tali immobili devono essere in piena disponibilità del concedente.

Liberi Professionisti e Spese per le Trasferte

28 nov, 2016
admin
No Comments

Recentemente sono stati apportati sostanziali cambiamenti al regime fiscale delle spese di vitto e di alloggio sostenute in trasferta dai liberi professionisti e dagli imprenditori, invece non è stato oggetto di modifica alcuna il trattamento fiscale delle spese di vitto e alloggio sostenute in trasferta dai lavoratori dipendenti e dai lavoratori parasubordinati. Bisogna ricordare che le spese in esame riguardano i servizi alberghieri, quali il pernottamento e il servizio di ristorazione, ovvero la somministrazione di alimenti e di bevande. Nel prosieguo ci si occuperà esclusivamente dei liberi professionisti che godono, qualora sia rispettato il principio dell’inerenza del costo, di un proprio trattamento fiscale, che è pure estendibile agli esercenti attività artistica.

In ragione dell’IRPEF, la deducibilità delle spese inerenti il vitto e l’alloggio varia in rapporto alla finalità per cui il libero professionista le ha sostenute per se stesso, in uno specifico periodo di imposta e in occasione della propria trasferta.

-Spese di vitto e alloggio sostenute per l’espletamento, in trasferta, dell’attività professionale In questo caso, la deducibilità della succitata categoria di oneri è ammessa per il 75% del loro ammontare, entro il limite del 2% dei compensi annui.

-Spese di vitto e alloggio sostenute dal libero professionista per rappresentanza Tali costi sono deducibili per il 75% del loro valore, ma entro il limite dell’1% del compenso annuo percepito dal libero professionista. In questa fattispecie, la spesa di vitto e di alloggio è ritenuta di rappresentanza allorché la connessa trasferta sia finalizzata all’incontro del libero professionista col cliente o col potenziale cliente, per instaurare un rapporto di pubbliche relazioni, che si attua nei seguenti contesti di intrattenimento.

-Spese di vitto e alloggio sostenute dal libero professionista per la partecipazione a convegni, seminari e corsi professionali In questo caso è previsto un doppio limite: ovvero la deducibilità è ammessa per il 75% della metà del loro ammontare. In sostanza tali spese sono deducibili per il 37,5% del proprio valore.

Ai fini IRAP, si applica il medesimo trattamento fiscale appena analizzato in riferimento all’IRPEF. Inoltre, per completezza di analisi ed in modo sommario, bisogna ricordare che il libero professionista è soggetto al pagamento dell’IRAP esclusivamente quando svolge la sua attività professionale in forma di autonoma organizzazione.

Nello specifico delle tre succitate tipologie di oneri, inerenti il vitto e l’alloggio, sostenuti dal libero professionista in trasferta, l’IVA è interamente detraibile: per beneficiare, però, di tale detraibilità, il prestatore dei servizi alberghieri e di ristorazione deve rilasciare ed intestare al libero professionista apposita fattura, unico documento contabile che riporta l’ammontare dell’IVA separato dal costo puro delle prestazioni succitate.

L’eventuale rilascio di scontrino fiscale o di ricevuta fiscale, in cui l’ammontare dell’IVA è inglobato nel costo puro della prestazione, ossia non è contabilizzato separatamente, non concede al libero professionista la possibilità di detrarsi l’IVA, questo anche se l’IVA stessa è desumibile con la tecnica dello scorporo. Conseguentemente l’IVA non ammessa in detrazione è posta ad aumento del costo sostenuto e subisce, ai fini delle imposte dirette, il trattamento fiscale esaminato in precedenza.