Come Aprire un Wine Bar

Come Aprire un Wine Bar

14 Ott, 2019
admin
no comments

La nascita di molti wine bar diffusi ormai ovunque, ci permette di parlare di questo tipo di attività che si è allargata rapidamente nel nostro Paese, grazie anche alla tradizionale presenza del vino nelle tavole degli italiani ed alla diffusa cultura di questa bevanda che da secoli appartiene alle popolazioni della nostra Penisola.

L’enoteca od il wine bar, diventano così dei locali aperti al pubblico che sanno unire la novità con la tradizione, aggregando giovani e meno giovani all’interno di luoghi pubblici, talvolta spartani, altre volte un po più strutturati ma che mantengono in comune una serie di caratteristiche importanti.
I servizi e gli spazi di intrattenimento per gli avventori in questo tipo di locale, possono essere differenti.
La disponibilità del servizio wi-fi, potrebbe essere uno di questi.

Aprire un wine bar. Chi è il titolare di questa attività?
Il titolare di un wine bar è talvolta una persona giovane ed estroversa, altre volte, è un soggetto con esperienze professionali diverse maturate nel corso degli anni precedenti e dotato di un’età matura che attraverso l’avvio di un’enoteca, intende realizzare un sogno, magari coltivato da tempo per far coincidere : l’apertura di un’attività commerciale con un’iniziativa sociale e culturale insieme., un luogo di incontro e socializzazione originale.
Il cliente dell’enoteca, è costituito da in insieme variegato di persone e talvolta, anche da soggetti ‘molto selettivi’, alla ricerca di un ambiente curato, non sfarzoso, per niente banale, in grado di aggregare personalità anche diverse, in differenti momenti della giornata.
Ecco che il wine bar, diventa così un luogo privilegiato per aperitivi, per un incontro romantico fra coppie che amano discutere davanti ad un bicchiere di vino ma anche un locale che offre spuntini e pranzi veloci per persone di ‘passaggio’ e clienti affezionati.
L’ambiente e l’arredamento, consoni alla mission del locale, sono molto importanti in quanto ‘identificano’ quel particolare luogo.
Le molte ‘personalità’ ed identità che assume questo tipo di attività variano a seconda della capacità/voglia del suo titolare di offrire un punto originale di incontro, relax, ecc..

Come aprire un’enoteca. Le opportunità.
Alcuni locali, sono diventati molto conosciuti ed apprezzati nel corso degli anni ed hanno ‘costruito’ un mondo di persone che si sono affezionate al quel posto.
Il nome di quel locale diventa un brand, per quanto limitato ad una via, ad un’enoteca ma per molti, diventa nel tempo un punto di ritrovo dove incontrarsi con amici, conoscenti e ‘staccare’ dalla routine e dallo stress di tutti i giorni.
La fidelizzazione dei clienti , è un fattore importante per il raggiungimento del successo in questo campo di attività.
Occorre dire che non tutte le enoteche/wine bar hanno successo.
Come ogni attività imprenditoriale, vi sono molte criticità e non è sempre facile riuscire ad ‘azzeccare’ la formula e la strategia migliore.
Un locale di questo tipo ed il suo successo, sono certamente legati alla capacità del suo fondatore/gestore nel saper creare un vero e proprio punto di aggregazione, originale e dotato di un valore aggiunti rispetto agli altri wine bar presenti in giro.
Alcune enoteche sono infatti aperte da molti anni(addirittura decenni), altre, vengono avviate e poi chiudono dopo poco tempo.

Aprire un wine bar. Quanto vale questa attività?
Di fronte ad un wine bar in vendita, è giusto anche domandarsi quanto potrebbe valere un’attività di questo tipo.
E’ difficile definire con precisione il valore effettivo, come peraltro per ogni altro tipo di impresa, in più, il wine bar non è un’attività come tutte le altre.
Non basta verificare il fatturato medio di questa impresa o fare una serie di conteggi relativi ai costi ed ai margini, nonostante siano controlli e calcoli necessari per avere un quadro abbastanza chiaro della situazione economica/finanziaria.
Il wine bar, è molte volte un locale legato al nome, al carattere ed alla filosofia del suo fondatore e quindi, un passaggio di consegne, non garantirebbe sempre la possibilità di riuscire a ‘traghettare’ il suo pubblico da una gestione ad un’altra con certezza.