Come Guadagnare con le Ripetizioni

Come Guadagnare con le Ripetizioni

28 gen, 2018
admin
no comments

Dare ripetizioni a ragazzini delle scuole medie inferiori e superiori (o addirittura delle elementari) è un modo piuttosto comodo per guadagnare qualcosina durante gli studi universitari. Trovare ragazzini interessati è facile, ed il lavoro è estremamente flessibile e non è troppo impegnativo.

Il primo passaggio necessario è trovare ragazzini interessati. Innanzitutto, individua il target adatto a te: ti troverai meglio con un bambino delle elementari, magari con qualche difficoltà, o con un ragazzino svogliato delle medie? O, ancora, le tue conoscenze di latino e greco o di matematica e fisica ti permettono di aiutare ragazzi più grandi, delle superiori o addirittura dell’università? Una volta deciso a chi ti vuoi rivolgere, spargi la voce tra tutti i tuoi conoscenti e prepara dei volantini da affiggere fuori dalle scuole di pertinenza. Inoltre, se possibile, vai a parlare con i tuoi vecchi professori, che saranno felici di dare il tuo nome a genitori in cerca di aiuto.

Ovviamente i guadagni vanno regolarizzati, per fare questo è possibile mettere una ricevuta per prestazione occasionale. Per dettagli, è possibile vedere questo modello di ricevuta per prestazione occasionale.

La prima impressione è fondamentale, devi dare ai genitori dei ragazzi che aiuterai un’idea affidabile e preparata. Non dire mai che qualcosa non è nelle tue corde, a meno che non ti chiedano di insegnare materie di cui proprio non hai mai sentito nominare, soprattutto se tratti con ragazzini delle scuole medie inferiori o dei primi anni delle superiori. Se anche al liceo non eri un campione di matematica, sarai ormai in grado di andare a rivedere su un libro ciò che allora ti sembrava proprio incomprensibile.

La prima lezione è fondamentale per conoscersi, sia per te che per lo studente. Cerca di capire quali sono i suoi gusti e su cosa potete andare d’accordo, e lascia lo spazio le chiacchiere a fine lezione o nel passaggio tra una materia e l’altra. In questo modo, le ore saranno meno noiose sia per te che per lui, che sarà invogliato a vederti, anche se non ti trovi certo lì per qualcosa che a lui piace fare. Cerca però di mantenere una certa autorevolezza: stabilisci dei momenti precisi in cui si parla e momenti in cui la concentrazione deve invece essere completamente dedicata alla materia studiata. In questo modo, i genitori non potranno mai accusarti di perdere tempo: sottolinea anche con loro l’importanza di avere un buon contatto con lo studente.